Lotte in U.S.A.

Il 18 giugno,

^^^^^^

Da: secoursrouge.org

8 maggio 2021

Una manifestazione di militanti rivoluzionari e residenti di Austin si è tenuta nella città in occasione del Primo Maggio. Questa manifestazione non è stata autorizzata, ma la polizia, non conoscendo il punto di partenza, non è riuscita ad impedirne l’avvio. Ha poi cercato di porvi fine, provocando scontri con i manifestanti ed eseguendo 8 arresti. I/le manifestanti hanno tuttavia continuato ad occupare le strade della città.

^^^^^^

Fonte: http://www.amwenglish.com

15 aprile 2021 

Scoppiano proteste per la sparatoria della Polizia contro Daunte Wright (USA)

La notte di lunedì 12 aprile, l’omicidio di Daunte Wright da parte della polizia del Minnesota ha

riacceso rabbiose proteste in molte città degli USA – con una rivolta a Portland, in Oregon, quando

centinaia di poliziotti hanno attaccato.

Una seconda notte di manifestazioni ha infuriato a Brooklyn Park, teatro dell’omicidio, mentre i

manifestanti si sono riuniti in altre città in segno di unità. I ricercatori sono riusciti a individuare e

pubblicare l’indirizzo dello sbirro che ha ucciso Daunte, portandola via da casa sua.

Radere al suolo i recinti, in ogni città e in ogni cittadina hanno scandito i manifestanti a Portland.

Manifestazioni si sono svolte a Los Angeles, in California, mentre le aree di Seattle, Washington,

sono state ricoperte di graffiti contro la polizia e i manifestanti hanno ripetutamente bloccato le

strade principali.

Manifestanti sono entrati in una stazione della metropolitana di Washington, DC, saltando i tornelli,

mentre centinaia di persone si sono radunate nella capitale. A New York, la notte di lunedì 12 aprile

i manifestanti hanno bloccato una parte del Manhattan Bridge.

Le azioni più forti sono state condotte a Portland, in Oregon, quando i rivoluzionari hanno cercato

d’irrompere nel Penumbra Kelly Building, che ospita gli uffici di diverse forze dell’ordine, tra cui la

polizia di Portland e l’ufficio dello sceriffo della contea di Multnomah. Gente ha lanciato bottiglie di

vetro, bottiglie d’acqua congelata, pietre, cuscinetti a sfera e sparato fuochi d’artificio contro la

polizia e l’edificio.

Altrove in città, un gruppo ha tagliato una recinzione con catena per accedere a un parcheggio

nell’edificio storico che ospita gli uffici del traffico del Portland Police Bureau, nello stesso

momento in cui succedeva la rivolta. E’ riuscito a rompere i vetri e tagliare le gomme di diversi

veicoli della polizia.

^^^^^^

Dal sito: political-prisoners.net (Netzwerk)

26 gennaio 2021

Lettera del prigioniero anarchico Eric King e aggiornamento sulla sua situazione carceraria

A Eric viene inflitta un’ulteriore restrizione di 6 mesi rispetto alla comunicazione tramite corrispondenza

Il 5 gennaio 2021, Eric è stata imposta una restrizione di 6 mesi riguardo alla comunicazione tramite corrispondenza in risposta a una manifestazione tenuta a Capodanno da vari gruppi a Denver fuori del carcere di Englewood FCI; una manifestazione che si svolge ogni anno nelle carceri di tutto il mondo.

Dopo che Eric è stato inizialmente accusato d’aver organizzato la manifestazione, il BOP (dipartimento di giustizia, n.d.t.) ha infine ammesso di sapere che Eric non aveva nulla a che fare con la manifestazione. Ciò nonostante l’ufficio regionale centro- nord di BOP ha ordinato alla prigione di Englewood di limitare la corrispondenza di Eric.

Apparentemente in BOP i prigionieri sono ritenuti responsabili di quanto chiunque potrebbe fare. Tuttavia, una cosa è interessante – nel 2017, quando la famiglia Bundy, di destra, ha cercato di entrare con la forza nella prigione per fare visita a un prigioniero verso il quale esprimeva solidarietà e si è fatta un giro nel parcheggio, eludendo le guardie, accendendo la musica … in quel caso al detenuto non sono state imposte misure disciplinari o restrizioni. Questa è forse un’altra regola speciale BOP che si applica solo agli/alle antifascisti/e.

Eric non è più autorizzato a comunicare con nessuno, tranne che con la sua famiglia e il suo avvocato. È di nuovo tagliato fuori dal comunicare con chiunque possa offrirgli sostegno, forza e solidarietà durante una pandemia globale. È di nuovo escluso da ogni contatto con gli/le amici/amiche, tutti così importanti per lui.

Se volete sostenerlo, potete mandargli libri. Questi possono essere un’enorme distrazione per lui e tutti i prigionieri ai quali lui li consegna, specialmente durante la prossima fase di blocco federale.

Lettera di Eric King

fonte: amwenglish (tradotto da abc wien)

Compagni e Compagne!

Non posso dirvi quali rischi dovete correre o dove indirizzare le vostre energie… ma vi devo chiedere una cosa … perché non protestiamo contro le carceri federali e i loro uffici regionali li barrichiamo e li sfidiamo?

Le carceri federali sono potere statale a livello nazionale. Siamo picchiati dal personale e per questo accusati, la nostra posta viene gettata via o regolarmente persa, veniamo separati dalle nostre famiglie e possiamo chiamare casa solo per 300 costosi minuti al mese. Siamo tutti sotto il tallone del governo federale.

Quando sono scoppiate le rivolte, le nostre carceri sono state chiuse e ufficiali di BOP1-sono stati mandati a reprimere il movimento con la violenza di Stato. Le stesse guardie che ci pestano e ci spruzzano prodotti chimici nocivi sono state in strada e hanno fatto lo stesso con voi.

Se George Floyd non fosse stato ucciso, sarebbe comunque vittima della brutalità dello Stato. Sarebbe stato sottratto alla sua famiglia, sarebbe stato un’altra vittima della tratta di persone da parte dello Stato. Sarebbe stato sottoposto a custodia cautelare per un anno o due e avrebbe potuto sentire voci amorevoli solo a tariffe esorbitanti. Avrebbe visto il suo avvocato/la sua avvocatessa una o due volte e sarebbe stato costretto ad accettare un accordo assurdo. Sarebbe stato inghiottito dallo Stato, portato in situazioni brutali, costretto a lavorare per un salario da schiavo. Questa è la brutalità della polizia.

Possiamo smetterla di ignorare i magazzini umani federali. Ignorare i magazzini umani? Ogni singolo detenuto in una prigione federale è stato rapito da un governo che afferma che le nostre vite sono inutili, che non siamo persone che meritano dignità. Non tutte le città hanno una prigione federale o FDC2, ma molte ne hanno, o i loro soci privati patologicamente corrotti come CCA3 o GEO4.

A KC5, la città da cui provengo, esiste l’Ufficio Regionale centro-nord. Il direttore è J.E. Kruegger. Questo bastardo è responsabile di tutte le brutali misure che distruggono le vite di migliaia di prigionieri. ADX6, il braccio della morte, CMUs7, Florence, Leavenworth, Englewood e altri. Se gli sbirri ci picchiano senza conseguenze, è Krueger a permetterlo. Se l’amministrazione viola le linee guida in modo devastante (come ad esempio concedere a qualcuno – me – una sola telefonata per 2 anni), allora lui lo permette. Non possiamo protestare e attirare l’attenzione su questo bastardo e il suo ufficio di tortura? Siamo nella m…. e lui continua a fregarsene di noi.

Con l’epidemia da Covid-19 abbiamo visto sia la fragilità di BOP e la sua indifferenza per le nostre vite. Mentre William Barr cerca di riempire le prigioni federali di manifestanti, dovremmo dare all’Ufficio il trattamento che si merita. Puntiamo i riflettori su quei bastardi. Se questa è una guerra di classe, allora questi sono criminali di guerra, sono i nostri nemici, queste sono case di schiavi/e, trattiamoli conformemente.

Finché tutto sia macerie, con una lotta rivoluzionaria

EK

1: BOP = Federal Bureau of Prisons, dipartimento di giustizia responsabile dell’amministrazione delle carceri federali

2: FDC = Federal Detention Center, livello di sicurezza minimo

3: CCA = Corrections Corporation of America, società americana specializzata nell’operazione e nella gestione privata carceri specializzati

4: GEO = GEO Group, società americana specializzata nel funzionamento e nella gestione di carceri private e istituti psichiatrici

5: KC = Kansas City, Missouri

6: ADX = ADX Florence, prigione federale a Florence, Colorado – Carcere di massima sicurezza

7: CMU = Communication Management Unit, carcere politico negli USA

fonte: supportericking (tradotto da ABC Vienna)

https://www.abc-wien.net/?p=10300#more-10300

^^^^^^

Da: secoursrouge.org

Gennaio 2021

A Portland, manifestanti rivoluzionari, portando cartelli contro Biden e contro la polizia, hanno manifestato mercoledì 20 gennaio per le strade del centro città, danneggiando durante il tragitto la sede del Partito Democratico dell’Oregon (scritte, finestre rotte, ecc.). Su uno dei cartelli era riportato “Non vogliamo Biden, vogliamo vendicarci!” in risposta alle uccisioni della polizia e alle guerre imperialiste.

In serata, diverse centinaia di persone si sono radunate davanti all’edificio ICE (dipartimento USA per immigrazione e dogane), lo scorso anno teatro di diversi scontri tra manifestanti e polizia federale, in particolare dopo la morte di George Floyd. I manifestanti chiedono da tempo l’abolizione di ICE, agenzia che applica in modo aggressivo le leggi sull’immigrazione, imprigionando e deportando i bambini che soggiornano illegalmente. La manifestazione è stata dichiarata illegale e agenti federali hanno sparato candelotti di gas lacrimogeno e munizioni non letali, in gran numero.

^^^^^^

Da: secoursrouge.org

12 gennaio 2021

Il 1° gennaio 2021, l’organizzazione di prigionieri “Free Alabama Movement” ha lanciato un “blackout economico di 30 giorni” nelle carceri dell’Alabama per denunciare le condizioni detentive e le numerose morti nelle carceri statali. L’organizzazione chiama i prigionieri a uno sciopero della fame e del lavoro dentro le carceri. Chiede inoltre alla gente che sta fuori di boicottare le società operanti nelle prigioni (fornitrici di servizi di videochiamata, mensa, trasferimento di denaro, ecc.).

^^^^^^

Da: secoursrouge.org

2 gennaio 2021

A Portland un gran numero di persone si è radunato venerdì 25 dicembre nella zona di Southwest 3rd Avenue, vicino a Southwest Main Street, la polizia ha ordinato loro di andarsene immediatamente: “Se non ve ne andate potreste essere arrestate, citate e / o subire l’uso della forza “, hanno minacciato i poliziotti di Portland con megafoni. Subito dopo sono iniziati gli scontri. Gruppi di manifestanti hanno attaccato con fuochi d’artificio e bottiglie molotov le forze di polizia, un centro commerciale, il tribunale federale. Altri hanno tentato di entrare nel Justice Center al 1120 di Southwest 3rd Avenue. Oltre alle molotov e agli oggetti pirotecnici, i poliziotti sono stati bersagliati da pietre, mattoni, bottiglie di acqua ghiacciata e palloncini pieni di vernice. La polizia ha caricato e utilizzato fumogeni, sparato candelotti di gas lacrimogeno e munizioni non letali. Sono stati eseguiti arresti, ma i dettagli non sono ancora disponibili. Le forze di repressione non hanno incluso solo la polizia locale, ma anche agenti dei servizi federali (in realtà una divisione con l’uniforme del Dipartimento di sicurezza interna)

^^^^^^
Da: secoursrouge.org

8 dicembre 2020

Eric King è un antifascista detenuto dal settembre 2014. È stato condannato a 10 anni di carcere con l’accusa d’aver tentato di incendiare un edificio governativo (non occupato) a sostegno della rivolta di Ferguson, nel Missouri. Nel 2018 un tenente dei Servizi investigativi speciali (SIS), un servizio federale che monitora quelli considerati delle minacce al sistema carcerario, ha attaccato King, che si è difeso, sollecitando l’intervento di 4 guardie che hanno colpito King alla testa, sul viso, allo stomaco e sulle costole. È stato legato per 8 ore per i polsi e le caviglie, in una pozza di sangue e urina.

King si è visto negare ripetutamente le cure mediche, la posta e le visite legali. Un altro membro del SIS gli ha detto che gli sarebbe stato negato l’accesso al suo avvocato finché non avesse firmato una dichiarazione secondo cui ha colpito Wilcox per legittima difesa. King ha firmato ed è stato trasferito alla prigione di Leavenworth in Kansas e messo in isolamento per circa un anno, il che ha significato non poter vedere o parlare con nessuno, divieto di leggere libri e conservare foto nella sua cella. È stato poi trasferito alla prigione McCreary nel Kentucky, una prigione federale di massima sicurezza. Il personale lo ha lasciato uscire dall’isolamento solo per condurlo nel cortile da un gruppo di suprematisti bianchi (Aryan Brotherhood – Fratellanza ariana, n.d.t.) dicendo loro che King era un antifascista.

Il 29 agosto 2019, King è stato accusato di “aggressione a un funzionario federale” in relazione all’attacco al tenente del SIS. Se condannato, King rischia fino a 20 anni in una prigione federale in aggiunta alla sua condanna a 10 anni. Nell’agosto 2019, King è stato trasferito nella prigione di Englewood in Colorado, dove è continuata la persecuzione. A settembre, la prigione ha revocato i diritti di visita del suo partner a causa della sua “ideologia”.

^^^^^^

Dal sito: http://www.jungewelt.de

Fonte:https://www.jungewelt.de/artikel/391980.verstärken-wir-our-effort-to-liberation-mumias.html

7 dicembre 2020

“Intensificare i nostri sforzi per liberare Mumia!”

Al posto della rubrica settimanale di Mumia Abu-Jamal, oggi è comparso un appello urgente di Angela Davis, lei stessa prigioniera politica della magistratura degli USA all’inizio degli anni ’70. La sua dichiarazione, distribuita da New York International Action Center, è la sintesi del suo contributo a una conferenza stampa virtuale il 16 novembre 2020 (vedi jungeWelt – jW del 18 novembre 2020).

Fra 2 giorni inizierà il 40° anno di carcere di Mumia Abu-Jamal (66 anni). E’ stato arrestato il 9 dicembre 1981 a Filadelfia con l’accusa di omicidio del poliziotto, sebbene fosse lui stesso a essere gravemente ferito dalla violenza razzista della polizia, ed è sopravvissuto a malapena. Il movimento di solidarietà internazionale chiede da decenni l’immediato rilascio del prigioniero politico malato. La sua rubrica apparirà di nuovo lunedì (jW)

Mumia Abu-Jamal ha svolto un ruolo centrale nella sensibilizzazione che ci ha portato oggi al punto critico in cui, dopo circa un secolo e mezzo di continui sforzi, abbiamo finalmente preso atto della natura strutturale e istituzionale del razzismo nella società e ne abbiamo seriamente chiesto la sua abolizione. Abolire la pena di morte, le carceri e la polizia. E quindi è giusto e corretto che intensifichiamo anche i nostri sforzi su questo terreno di lotta appena conquistato per liberare finalmente il nostro compagno e fratello.

Le recenti elezioni presidenziali hanno portato Philadelphia al centro dell’attenzione. Inoltre, la polizia ha ucciso Walter Wallace, in una crisi mentale, e che l’insegnante e attivista Anthony Smith è stato arrestato dagli agenti FBI. La settimana prima del suo arresto, il Philadelphia Magazine ha elogiato Anthony Smith per il suo lavoro utile alla comunità del quartiere rispetto alla scuola e la sua speciale capacità nel guidare gruppi. E ben oltre la città, abbiamo seguito il lavoro del Black Philadelphia Radical Collective, l’organizzazione di cui Anthony Smith è membro, e molti di noi sono appassionati delle sue “13 richieste” (contro la violenza poliziesca e la repressione dello Stato, jW).

Sappiamo anche che il Consiglio comunale di Filadelfia ha recentemente presentato le scuse ufficiali per l’attacco con bombe incendiarie (dalla polizia in un trasloco, jW). Nell’attacco del 1985, 11 membri dell’organizzazione Move, tra cui 5 bambini, sono stati uccisi e un totale di 61 case (nella zona residenziale, jW) completamente distrutte.

Per tutti questi motivi, mi è stato ora chiesto di esaminare brevemente il caso di Mumia nel contesto della lunga storia di repressione politica in questo Paese e di come il diritto penale sia utilizzato in questo contesto per fornire un pretesto per detenere persone che hanno deciso di sviluppare strategie radicali di resistenza contro la violenza di Stato razzista.

Mumia era un membro relativamente giovane di una generazione di attivisti e intellettuali radicali neri che hanno parlato della natura strutturale e sistemica del razzismo molto prima che la critica alle istituzioni di base della nostra società fosse ampiamente promossa. Per la nostra posizione radicale, lo Stato ci ha presi di mira, demonizzando innumerevoli radicali neri. Alcuni di noi sono stati rilasciati, ma molti sono dietro le sbarre da decenni.

Mumia è entrato molto presto nel mirino della polizia di Filadelfia e del “Cointelpro” (programma di spionaggio FBI, jW). Tutto è iniziato con la sua appartenenza al Black Panther Party. Il suo fascicolo di 700 pagine, ora divulgato da FBI, mostra che la polizia di Filadelfia, consultandosi con FBI, ha tentato per molti anni di accusare Mumia di un crimine. Come ora sappiamo, almeno un terzo degli agenti coinvolti nel suo caso sono stati successivamente accusati di manipolare sistematicamente le prove in parecchi casi penali di Filadelfia. Pochi sanno, tuttavia, che l’indagine sulla morte di Daniel Faulkner, il poliziotto che Mumia avrebbe ucciso, non è stata condotta dal Dipartimento omicidi della polizia di Filadelfia, ma dalla “unità di difesa civile”, un’unità speciale locale di FBI, responsabile di “Cointelpro, sviluppato da J Edgar Hoover (ex-direttore FBI, jW).

di Angela Davis. junge Welt, 7 dicembre 2020

tradotto da Jürgen Heiser

^^^^^^
Da: secoursrouge.org

5 novembre 2020

La notte di mercoledì 4 novembre, la polizia dell’Oregon e le forze della Guardia nazionale hanno dato la caccia a centinaia di manifestanti della sinistra rivoluzionaria nel centro di Portland ed effettuato almeno 10 arresti. Questa città è stata posta in elevata allerta dalla governatrice dell’Oregon, Kate Brown, che ha esteso lo stato d’emergenza stabilito per la notte delle elezioni presidenziali al fine di evitare proteste violente.

I manifestanti hanno partecipato a una manifestazione pacifica in un parco nel centro di Portland, dove un insieme di gruppi anticapitalisti ha proposto conferenze e musica. Durante il corteo che ha fatto seguito, diversi manifestanti avevano con sé armi da fuoco, compresi dei fucili. Uno striscione portava lo slogan “Non vogliamo Biden. Vogliamo vendetta / per i crimini di polizia / per le guerre imperialiste / per i massacri fascisti”. L’ufficio dello sceriffo della contea di Multnomah ha detto che la situazione dominante equivaleva a una rivolta, dopo l’arresto di un uomo sospettato d’aver lanciato una molotov. Sono avvenuti scontri, lanci di pietre, sono stati sparati candelotti di gas lacrimogeno, sono state mandate in frantumi delle finestre, e sono stati eseguiti arresti.

^^^^^^
Da: secoursrouge.org

3 novembre 2020

Domenica 1° novembre, un gruppo di manifestanti anti-Trump si è scontrato con la polizia per le strade di Manhattan. Gli scontri sono avvenuti all’angolo tra la West 24th Street e la 10th Avenue. La polizia voleva respingere i manifestanti radunati in Madison Square Park per affrontare caravan pro-Trump che stavano attraversando l’area di New York prima delle elezioni presidenziali di martedì 3 novembre. Undici persone sono state arrestate.

^^^^^^
Da: secoursrouge.org

27 ottobre 2020

Nella notte tra lunedì 26 e martedì 27 ottobre, dopo la morte di un uomo di colore ucciso da la polizia, la città di Filadelfia, in Pennsylvania, è stata teatro di proteste e scontri con la polizia, con decine di agenti feriti. Identificato come Walter Wallace Jr., il 27enne è morto nel pomeriggio di lunedì 26 ottobre nel quartiere di West Philadelphia, ucciso da parecchi colpi sparati da 2 poliziotti che non sono sembrati trovarsi in condizioni di pericolo imminente, come mostrato in un video circolante sulle reti sociali. Durante la protesta, 30 poliziotti sono stati feriti, molti dei quali ricoverati in ospedale, secondo quanto riferito dal rapporto ufficiale. La maggior parte delle loro ferite sono dovute a oggetti, compresi i mattoni, lanciati dai manifestanti e una poliziotta è stata investita da un veicolo. Negozi hanno subito danni, una vettura della polizia è stata incendiata e numerose persone sono state arrestate.

^^^^^^
Da: secoursrouge.org

Manifestazioni contro la violenza poliziesca

29 settembre 2020

Un’altra notte movimentata sabato 26 settembre nel centro-città di Portland, Oregon, si è conclusa con diversi arresti. Centinaia di persone si sono radunate per denunciare la discriminazione razziale e la violenza poliziesca quando le autorità hanno dichiarato illegale il loro raduno. La folla ha invaso soprattutto l’area in cui si trovano il tribunale e il tribunale federale degli USA. Una bandiera americana è stata bruciata e sono stati sparati fuochi d’artificio contro i poliziotti. Sono stati eseguiti parecchi arresti. Altre manifestazioni BLM (Black Lives Matter, n.d.t.) hanno dato luogo a scontri a Seattle (10 arresti), New York (4 arresti).

16 agosto 2020

Una manifestazione affinché non sia finanziata la polizia e sia ritirata dalle scuole pubbliche di Chicago si è trasformata, alla fine, in violenti scontri nel centro della città, sabato 15 agosto. La protesta è iniziata al famoso Millennium Park prima di spostarsi su Michigan Avenue e Wacker Drive, dove sono stati segnalati diversi incidenti. I manifestanti si sono scontrati con la polizia: molti oggetti sono stati lanciati contro i poliziotti che bloccavano le strade e spruzzavano spray al peperoncino. I manifestanti hanno proseguito verso Michigan Avenue e Randolph Street, scandendo “Nessuna giustizia, nessuna pace”, mentre, come spesso accade durante manifestazioni, i ponti della città sono rimasti aperti, impedendo l’attraversamento del fiume Chicago. La polizia ha proceduto a 24 arresti – 4 di questi per colpi e ferite gravi inferti a un poliziotto.

7 agosto 2020

Numerosi scontri sono avvenuti a Portland, in Oregon mercoledì 5 e giovedì 6 agosto tra i manifestanti BLM (Black Lives Matter, n.d.t.) e la polizia. Mercoledì, davanti al commissariato principale di Portland si sono verificati incidenti con lanci di vernice e oggetti, finestre rotte e incendi di cassonetti. Gli scontri tra polizia e manifestanti sono continuati per oltre 3 ore nel quartiere commerciale e residenziale circostante. La polizia ha fatto uso di granate assordanti e gas lacrimogeni. Manifestazioni e scontri sono ripresi ieri sera.

^^^^^^

Da: supportericking.org

27 giugno 2020

USA: urgente appello alla solidarietà. Il compagno anarchico imprigionato Eric King aggredito da una guardia in FCI Englewood

Il 18 giugno, Eric è stato portato incatenato nello spazio delle docce ed è stato attaccato. La guardia ha afferrato la bacchetta per rilevare la presenza del metallo dandogliela su ciascuna caviglia e poi, quando lui avrebbe sollevato una gamba, questo agente avrebbe colpito l’altra. La guardia quindi l’ha sollevato e lasciato cadere con la testa sul cemento della doccia. Si è svegliato dopo aver perso conoscenza per 10 secondi pensando che stessero versandogli dell’acqua sul viso. Ma si trattava del suo stesso sangue.

Eric è stato trasportato al Centro medico svedese dove ha ricevuto 6 punti e gli è stata diagnosticata una commozione cerebrale da moderata a grave. L’ospedale non gli darebbe i risultati della scansione né li comunicherebbe alla sua famiglia o al suo avvocato, perché gli hanno detto “lui è proprietà del governo”.

La realtà è che la gente si è battuta oltre un mese per riuscire a ottenere un perito che esaminasse Eric. Crediamo che lui soffra di una traumatica lesione cerebrale, dopo che agenti di FCI Florence l’hanno preso a calci in testa per 5 minuti nell’agosto del 2018. Eravamo così speranzosi che avremmo potuto aiutarlo e vedere dove si trova, nel mezzo di un misto di traumi e lesioni cerebrali con cui ha lottato. La sua memoria è stata pregiudicata alla stregua di molti altri aspetti della sua vita. Gli agenti di FCI Englewood lo sanno. Sapevano che stavamo cercando di convincere un perito medico per l’infortunio alla testa … e quindi l’hanno lasciato cadere di testa su un fottuto pavimento di cemento, mentre era incatenato.

Tutto ciò segue una situazione in cui la prova che il suo case manager (coordinatore del caso, n.d.t.) fuori FCI Englewood ha tentato di fare un accordo con uno, un prigioniero del WP (non ha collaborato) per far attaccare Eric. Questa notizia è stata comunicata al tribunale prima gli fosse negato il trasferimento in un’altra struttura. Ciò che il PM ha scelto di fare con questa prova attestante l’esecuzione di un crimine al FCI Englewood, è stato quello di correre e dirlo ai responsabili della prigione. Entro una settimana entrambi sono stati attaccati. Sia per l’acqua che in aree separate della prigione.

La guardia che l’ha attaccato è la stessa che ha dichiarato di essere stata aggredita da Eric con un po’ d’acqua. Si è tentato di rinviare il caso a FBI affinché fosse perseguito, ma meno di un mese fa FBI ha rimandato il caso alla prigione. Le guardie tentano di farlo accusare penalmente, caduto a terra.

A questo punto, la realtà è che Eric non è al sicuro, sottoposto a custodia cautelare. Negli ultimi due anni, in 5 diverse prigioni, il BOP segue un modello di collocazione di suprematisti bianchi in celle, aree recintate, vicino a lui nel suo piano, nel tentativo di farlo attaccare.

Quando Eric è tornato dall’ospedale, ha scoperto che l’intero piano era stato attaccato e spruzzato di peperoncino, dopo che se n’era andato. Gli è stata negata la possibilità di contattare il suo avvocato e la sua famiglia. Solo durante la sua telefonata legale di 20 minuti concessa settimanalmente ci è stata data questa notizia. La scorsa settimana gli hanno pure rifiutato la possibilità di consultare il suo consulente sulla scadenza dell’appello. Continua il modello d’intervento del BOP rispetto alla sua capacità di combattere il suo caso.

US Marshalls (agenzia federale di polizia penitenziaria, n.d.t.) deve spostare Eric in una struttura non BOP. L’Ufficio Regionale Centro-Nord DEVE aprire un’indagine su questo agente, come pure su quelli che possano essere stati a guardare. Quando Eric ha chiesto che ne fosse avviata una gli è stato rifiutato. Il PM deve lasciare cadere questo fottuto caso.

Siamo molto titubanti nel chiedere alla gente di chiamare e difendere Eric, perché l’ultima volta ciò è successo. Un anno e mezzo fa, i suoi privilegi telefonici sono stati revocati. Ma a questo punto Eric ha bisogno dell’aiuto della gente.

J Sheehan è il direttore delle operazioni dei prigionieri per US Marshalls. Il SOLO ente che può scegliere di spostare Eric da FCI FLorence in questo momento. Il suo numero di telefono è 703-740-8400

L’Ufficio regionale Centro-Nord del BOP è l’ufficiale che decide se il BOP indagherà su questo attacco *criminale*. Il suo numero di telefono è (913) 621-3939.

Il numero del prigioniero Eric è 27090045

Eric non può ricevere lettere

Eric non può ricevere libri

Eric non può ricevere riviste

Eric non può chiamare la famiglia

In questo momento, Eric è completamente isolato per il capriccio del Trump DOJ (United States department justice, n.d.t.) e gli occorre gente che lo aiuti per proteggerlo.

17 giugno 2020

Venerdì 12 giugno, un poliziotto di Atlanta ha ucciso un uomo di colore durante un arresto, sotto l’effetto dell’alcool, provocando una nuova ondata di rivolte nel Paese. Il giorno successivo la popolazione è scesa in strada bloccando l’Interstate (interstatale, n.d.t.) 75/85. Altri manifestanti sono tornati sul luogo dell’omicidio dove sono successi scontri con la polizia.

A Seattle, i/le manifestanti hanno istituito una “zona autonoma” intorno a un commissariato temporaneamente chiuso. La Zona autonoma di Capitol Hill si estende su 7 isolati e costituisce una forma di comunità che sperimenta una nuova forma di società. La medicina e il cibo lì sono gratuiti ed è vietata la polizia. Sono stati creati orti collettivi, squadre mediche e di mantenimento della pace. Persone armate del movimento sono presenti ad alcuni posti di blocco nell’area. Il presidente Trump è furioso e minaccia di far intervenire la forza per riprendere il controllo dell’area.

Seattle

19 giugno 2020

Una rivolta ha avuto luogo martedì 16 giugno nella città di Wilmington, in Nord Carolina, durante una manifestazione tenutasi alla fine del consiglio comunale. I manifestanti hanno chiesto riforme nel finanziamento della polizia e la fine delle brutalità poliziesche. La polizia li ha spruzzati di gas lacrimogeni, scatenando scontri. Cinque persone sono state arrestate. Martedì 16 e mercoledì 17 giugno, sono scoppiate rivolte a Saint-Cloud (Minnesota) a seguito di una sparatoria tra un uomo che aveva in mano un’arma da fuoco e la polizia che ha tentato di arrestarlo. La voce circolata secondo cui la polizia aveva ucciso un uomo di colore ha scatenato la rivolta.

^^^^^^
da: Secoursrouge.org

10 giugno 2020

Proseguono le rivolte contro i crimini polizieschi, avviate dopo l’omicidio di George Floyd. Ecco un resoconto non esaustivo dei fatti. Manifestazioni di massa continuano a svolgersi soprattutto ieri a Los Angeles o ancora a Seattle, inondata dai gas lacrimogeni. Questi gas hanno ucciso almeno una persona nel Paese. Si tratta di una militante ecologista e per i diritti civili, Sarah Grossman. È morta il 30 maggio a seguito delle proteste di Black Lives Matter a Columbus. Sarebbe stata colpita da candelotti, ciò che le avrebbe causato insufficienza respiratoria, con conseguente morte. Il consiglio comunale di Minneapolis ha annunciato lo scioglimento della polizia. I fondi assegnati alla polizia saranno donati a un futuro ente pubblico che sarà responsabile della sicurezza. Ha pure annunciato di voler lavorare con i rappresentanti della comunità. La possibile opposizione del sindaco, che è stato recentemente fischiato durante una manifestazione per aver espresso la sua ostilità allo scioglimento della polizia, non sarebbe sufficiente per impedire questo processo.

da: Dem Volke dienen

31 maggio 2020

Agente federale ucciso a Oakland – Altre proteste in tutto il Paese – Schierata la Guardia Nazionale

In California, Georgia, Minnesota, Missouri, Nevada, Ohio, Tennessee, Texas, Utah, Stato di Washington, distretto di Columbia e contea di Los Angeles sono stazionate le truppe della Guardia Nazionale – l’operazione maggiore della Guardia Nazionale nella storia.
Tuttavia, le lotte e le proteste continuano
La mattina di sabato 30 maggio, ora della California, è stato annunciato che la sera prima ignoti hanno sparato a due agenti del Servizio di protezione federale.
L’episodio è successo alle 21:45 di fronte al palazzo federale Ronald V. Dellums vicino alla protesta militante. Gli aggressori si sono avvicinati in macchina, hanno aperto il fuoco e se ne sono andati. Un ufficiale è morto e l’altro è stato gravemente ferito.
Sebbene le autorità lo neghino, si può presumere che questo attacco sia collegato alle proteste in tutto il Paese.

Scritto da Naho

31 maggio 2020
La rivolta continua negli USA, ecco un resoconto non esaustivo dei fatti. Gli eventi. Disordini sono scoppiati a Minneapolis, Atlanta, Chicago, Cincinnati, Columbia, Columbus, Dallas, Denver, Harrisburg, Indianapolis, Jacksonville, La Mesa, Lincoln, Los Angeles, Madison, Miami, New York, Oakland, Filadelfia, Portland, San Antonio, San Francisco, Seattle, Toledo, Washington, Pittsburgh, Salt Lake City, Nashville e Ferguson. Il coprifuoco è stato implementato in diversi Stati e in almeno 25 città, ma la rabbia non sembra potersi fermare. La Guardia Nazionale è stata schierata, in particolare in Minnesota, dove sono stati dispiegati oltre 10.000 soldati. A Minneapolis, la Guardia Nazionale ha sparato proiettili di gomma contro un residente che stava filmando il passaggio di un carro armato sulla sua strada. La polizia di New York (NYPD) si è precipitata con due veicoli contro la folla di manifestanti. Inoltre, gli hacker di Anonymous hanno preso di mira il dipartimento di polizia di Minneapolis per disconnettere il loro sito. In generale, l’intervento della polizia sta diventando sempre più violento . In tutto attualmente sono oltre 1.500 arrestati e 8 i morti.
Infine, i risultati preliminari di un’autopsia su George Floyd, condotta dalla contea di Hennepin, affermano che è morto per una combinazione di malattie cardiache e sostanze potenziali intossicanti nel suo sistema, esacerbate dal blocco impostogli dai poliziotti e non per strangolamento o asfissia. La famiglia ovviamente non crede a questa versione e ha già assunto un esperto indipendente.

30 maggio 2020
Ieri sera, la rivolta si è intensificata ulteriormente a Minneapolis e nel resto degli USA contro i crimini della polizia e il razzismo. Il commissariato della città è stato incendiato e la polizia ha dovuto andarsene precipitosamente, negozi hanno preso fuoco e i saccheggi sono continuati. La polizia ha ferito molte persone alla testa sparando su di loro proiettili di gomma. La rivolta si è diffusa altrove negli USA: a Louisville, dove la polizia avrebbe sparato proiettili veri, a Phoenix, dove il commissariato è stato investito da lanci di vari oggetti.

30 maggio 2020
La quarta notte di rivolta dopo la morte di George Floyd ha segnato un forte scoppio di rabbia ovunque negli USA. A Washington, la Casa Bianca è stata presa di mira. I/le manifestanti hanno eretto barricate e lanciato proiettili sulle forze di sicurezza. A New York sono segnalati numerosi scontri con la polizia, spesso a mani nude. Diverse auto della polizia e camion sono stati bruciati. Molti sono stati arrestati al punto che un autobus urbano ha dovuto essere requisito. L’autista dell’autobus ha comunque rifiutato di guidarlo e aiutare la polizia. Ad Atlanta, il quartier generale della CNN è stato preso d’assalto. Molti veicoli della polizia sono stati incendiati. A Los Angeles: molti poliziotti sono stati picchiati dai/dalle manifestanti. A Detroit: un giovane 19enne è stato ucciso da una persona che ha aperto il fuoco sui manifestanti. A Minneapolis: nonostante l’arrivo dell’esercito, gli scontri continuano. I manifestanti sono riusciti a entrare nel commissariato dove lavorava l’assassino di George Floyd. Lo hanno saccheggiato e hanno lasciato un messaggio sui muri “e ora, ci sentite?”.

30 maggio 2020

Austin: 9 arrestati durante una protesta notturna spontanea contro il quartier generale della polizia

Un centinaio di manifestanti si è riunito la sera del 31 maggio davanti alla sede del Dipartimento di Polizia di Austin (APD) per un confronto militante con la polizia a seguito dell’omicidio di Mike Ramos, nello spirito della rivolta delle Twin Cities.(città gemellate, n.d.t.) La folla arrabbiata era formata principalmente di fedeli neri e bruni, con una limitata presenza di attivisti/e. Il personale APD ha risposto alle gente persone con la violenza e l’odio, arrestando 9 persone con le accuse inventate di “istigazione a sommossa”, “partecipazione a sommossa” e “molestie a un agente”.
I primi arresti hanno mostrato chiaramente che la polizia cercava d’intimidire e minacciare i manifestanti; quando una donna è caduta in terra, i due uomini che tentavano di rialzarla sono stati attaccati dalla polizia antisommossa e arrestati per “istigazione alla ribellione”.
I manifestanti hanno reagito all’uso di proiettili di gomma e spray al peperoncino da parte di ‘APD, lanciando bottiglie. Un uomo che difendeva verbalmente la polizia e giustificava il suo uso della violenza è stato riempito di un liquido che è parsa essere una bibita analcolica. La situazione di stallo è durata per ore.
Molti dei presenti hanno promesso di tornare per la protesta che probabilmente sarebbe cresciuta. ancor più. La militanza e l’energia dei/delle manifestanti hanno mostrato il tono di oggi. Uno di loro ha commentato: “Sto aspettando che inizi, quando arrivano, iniziamo, con mia madre”, ha detto, “non abbiamo paura dello spargimento di sangue, senza spargimento di sangue non c’è rivoluzione”.
Gli organizzatori dell’iniziativa odierna hanno lanciato una raccolta fondi per gli arrestati ieri sera, sperando di farli rilasciare in tempo per la manifestazione di oggi, prevista davanti alla sede APD in E 8th Street, nella stessa posizione. Tribune of the People chiede donazioni per il supporto legale degli arrestati.
Diversi poliziotti sono stati feriti a Houston, e la popolazione ha urlato contro i riformisti legalisti e li ha affrontati fisicamente. La gente ha chiarito che non gli si deve dire come esprimere la propria rabbia e a chi cerca di controllarla, in uniforme o meno, che non succederà nulla di buono.

fonte: https://tribuneofthepeople.news/2020/05/30/austin-9-arrested-at-spontaneous-night-protest-against-police-headquarters/
scritto da name

30 maggio 2020

Ancora proteste militanti in tutto il Paese

Anche venerdì 29 e sabato 30 maggio ci sono state proteste militanti in molte città USA e sono in corso.
A Minneapolis, nel Minnesota, dove è stato assassinato George Floyd, le autorità hanno imposto il coprifuoco dopo le 20, dopo due giorni di combattimenti, il che non ha interessato alle masse. La terza notte di protesta, il commissariato dove era ospitato il killer era in fiamme. IL commissariato era stato sgomberato la sera prima per motivi di sicurezza.
Ad Atlanta, in Georgia in centinaia hanno attaccato la sede di CNN, distruggendo finestre, porte e parti degli interni. Di fronte all’edificio, le masse hanno combattuto contro le forze di sicurezza e dato fuoco a un’auto della polizia, e le finestre di un hotel di lusso sono state distrutte. Il governatore ha quindi dichiarato lo stato di emergenza e annunciato il dispiegamento della Guardia Nazionale.
A Los Angeles, in California, sono stati numerosi scontri con la polizia durante manifestazioni militanti in centro città. Contro le forze di polizia sono state lanciate pietre, i veicoli della polizia sono stati danneggiati e un poliziotto è stato ferito in un scontro ravvicinato. Inoltre, numerosi negozi sono stati saccheggiati, tra cui uno Star Bucks e un supermercato. Le autostrade sono state ripetutamente bloccate di sera e di notte e i manifestanti hanno combattuto con la polizia.
La sera di venerdì 29 maggio, sono stati segnalati scontri anche a Houston, in Texas. I manifestanti si sono radunati davanti al municipio e hanno chiesto giustizia. Durante la notte sono avvenuti ripetuti combattimenti con le forze di sicurezza della città, durante i quali sono stati sparati candelotti di gas lacrimogeno per disperdere le masse.
A Portland, in Oregon, masse arrabbiate hanno invaso un commissariato nel centro città, dando fuoco all’edificio e hanno saccheggiato negozi di lusso in un centro commerciale. In precedenza, migliaia di persone hanno manifestato per la giustizia a Central Park, in Portland.
Diverse manifestazioni si sono svolte a New York City, New York, e diverse strade sono state bloccate a Manhattan. A Brooklyn, davanti a Barclay Center si sono verificati scontri tra masse e forze di polizia. Parecchi veicoli della polizia sono stati attaccati nella notte e uno è stato dato alle fiamme.
Sono state erette barricate a San Jose / Oakland, in California, e i negozi del centro danneggiati e saccheggiati, e in seguito i manifestanti hanno fatto irruzione su un’autostrada a Oakland, bloccando il traffico. Si segnalano anche vari attacchi alle forze di polizia durante la notte. A San Jose, un reazionario ha guidato il suo SUV su un gruppo di manifestanti, ferendo 2 persone.
A Detroit, nel Michigan, i manifestanti hanno attaccato le forze di polizia con pietre e bottiglie. Diverse auto della polizia sono state danneggiate e si hanno notizie sul rilascio di persone arrestate. Nella notte, le forze reazionarie, apparentemente non appartenenti alla polizia o ad altre autorità, hanno sparato proiettili veri su una folla di manifestanti e ucciso un giovane.
Centinaia di persone si sono radunate davanti alla Casa Bianca a Washington, DC. Nella notte sono scoppiati scontri con la polizia e le forze dei servizi segreti. I manifestanti hanno lanciato mattoni e bottiglie e incendiato cassonetti della spazzatura. Le forze di sicurezza hanno usato manganelli, sparato candelotti di gas lacrimogeno e granate assordanti per disperdere le masse.

scritto da Naho
da: Dem Volke dienen

27 maggio 2020

Lunedì 25 maggio, la polizia di Minneapolis ha arrestato un uomo di colore, George Floyd, sospettato d’aver usato un biglietto falso in un supermercato. Mentre era costretto a terra a pancia in giù e ammanettato dietro la schiena, un poliziotto gli ha messo il ginocchio all’altezza del collo per 10 minuti, privandolo di ossigeno. È morto in ospedale. George Floyd ha implorato ripetutamente il poliziotto di allentare la pressione, dicendo che non riusciva a respirare. Anche numerosi testimoni, presenti sul posto, hanno supplicato il poliziotto affinché interrompesse la sua azione, ma invano. I testimoni che hanno tentato d’intervenire sono stati minacciati da un secondo poliziotto, uno dei testimoni però ha registrato la scena sul suo telefono. L’omicidio è stato quindi filmato dal vivo.
Martedì a Minneapolis si è tenuta una manifestazione in omaggio del defunto e contro i crimini della polizia e il razzismo. Migliaia di persone si sono radunate, auto della polizia sono state distrutte e il commissariato preso di mira. Candelotti di gas lacrimogeno e proiettili di gomma sono stati sparati contro i/le manifestanti. Uno degli slogan scandito in questo corteo è stato “Non riesco a respirare”, le ultime parole del defunto.
28 maggio 2020
Il 27 maggio, i residenti di Minneapolis sono scesi in strada a migliaia per protestare a causa dell’omicidio di George Floyd da parte della polizia. Auto della polizia sono state distrutte e il commissariato preso di mira. Manifestanti hanno anche circondato la casa dell’assassino che ha ordinato più volte i pasti da casa sua per paura di uscire, ma gli addetti alle consegne si sono sistematicamente rifiutati di farlo. Oggi, gli abitanti in rivolta sono scesi di nuovo in piazza. Il commissariato e vetture della polizia sono state ancora attaccati, mentre manifestanti hanno scandito slogan, chiedendo l’abolizione della polizia. Anche telecamere di sorveglianza sono state attaccate con la sega elettrica. Peraltro, parecchi edifici sono stati dati alle fiamme, sono avvenuti saccheggi di massa in vaste zone. La polizia, sopraffatta, ha ripetutamente sparato candelotti di gas lacrimogeno e flashbang (granate assordanti, n.d.t.) dai tetti degli edifici. Ha pure sparato proiettili di gomma. Anche la Guardia Nazionale è stata dispiegata, mentre sono comparse milizie di estrema destra armate di fucili d’assalto. Si segnalano movimenti di rivolta anche in altre città, come Los Angeles.

da: Secoursrouge.org

8 febbraio 2020

Chuck Africa è stato rilasciato

Il 7 febbraio 2020, Chuck Africa, l’ultimo prigioniero appartenente alla comunità Move 9, è stato rilasciato dopo 42 anni di carcere. È stato imprigionato poco dopo il suo diciottesimo compleanno in seguito all’attacco e all’assedio nel 1978 compiuti dalla polizia a una casa comunitaria della comunità Move a Filadelfia nel 1978. In quella circostanza, centinaia di poliziotti, squadre SWAT (Armi tattiche e speciali, n.d.t.) armate di mitragliatrici, gas lacrimogeni, bulldozer e idranti hanno circondato la proprietà dopo un lungo confronto con i funzionari della città. La polizia ha quindi aperto il fuoco e membri di Move avrebbero reagito, sebbene abbiano poi negato d’averlo fatto. Un ufficiale di polizia è stato ucciso nel fuoco incrociato. Nove membri sono stati quindi arrestati e ritenuti congiuntamente responsabili della morte del poliziotto, nonostante prove forensi dimostrino che è stato ucciso da un colpo solo (potrebbe essere stato sparato dalla polizia stessa). Nel 1980, i 9 sono stati riconosciuti colpevoli di omicidio di terzo grado e reati minori e ciascuno è stato condannato a pene comprese fra 30 anni in prigione e l’ergastolo. Due dei 9 prigionieri, Merle e Phil Africa, sono morti in carcere. Gli altri 7 si sono battuti molti anni per la loro liberazione. Chuck Africa era l’ultimo prigioniero di Move 9 ancora in carcere (vedi i nostri articoli Merle e Phil Africa sono morti in prigione.

Da junge Welt del 27 gennaio 2020

Articolo di Mumia Abu-Jamal: Delbert Africa finalmente libero

Membro di Move 9 (i 9 di Move, n.d.t.) rilasciato dalla prigione di Stato dopo oltre quattro decenni.

Delbert Africa, membro dell’organizzazione Move, è stato uno degli arrestati e imprigionati del gruppo Move 9, dal momento dell’irruzione nel centro della comunità del gruppo a Filadelfia, l’8 agosto 1978.
I/le 9 uomini e donne sono stati condannati a pene dai 30 anni all’ergastolo. Dopo oltre quattro decenni, Delbert il 18 gennaio ha potuto uscire dalla prigione di Stato di Dallas, in Pennsylvania, da uomo libero. All’esterno il prigioniero politico, ora 73enne, era atteso da altri membri dell’organizzazione Move: Ramona, Pam, Jeanette, Janine, Moe, Mary, Carlos e Consuela Africa. I suoi fratelli e sorelle lo hanno salutato ad alta voce con lo slogan “Viva John Africa!”, che rievoca il defunto fondatore di Move e hanno scandito altri slogan di Move. Delbert era di buon umore, ha scherzato con quelli che lo accoglievano con profonda amicizia e si è goduto i panini che aveva portato con sé.
L’8 agosto 1978 è stato un giorno orribile che rimarrà sempre il giorno dell’attacco alla casa di Move nel quartiere di Powelton Village a Filadelfia ovest. Centinaia di poliziotti hanno sparato migliaia di colpi di pistola contro i muri, contro la casa dove uomini, donne e bambini si erano rannicchiati nel seminterrato per paura della violenza. Non essendo riuscita a scacciare gli abitanti dalla casa sparando selvaggiamente, la polizia ha inondato il seminterrato con un idrante da cui gli assediati difficilmente potevano difendersi, circostanza in cui sono riusciti a stento a sfuggire alla morte per annegamento.
Quando Delbert ha abbandonato la casa a petto nudo e con le braccia tese, diversi poliziotti lo hanno immediatamente gettato a terra con pugni e usando il calcio del fucile e lo hanno maltrattato duramente con numerosi calci in testa. Le riprese video di questa eccessiva violenza della polizia sono state trasmesse in televisione. Tuttavia, quando 3 poliziotti sono stati convocati anni dopo dai giudici per la violenta aggressione compiuta contro Delbert, non hanno avuto da preoccuparsi d’essere puniti. Il giudice Stanley L. Kubacki ha ignorato le evidenti prove-video e, nel febbraio 1981, ha assolto i poliziotti Charles Geist, Terrence Mulvihill e Joseph Zagame dall’accusa di gravi danni fisici, in servizio. A giustificazione dell’uso apparentemente “proporzionato” della violenza di Stato contro Delbert, Kubacki ha citato, tra l’altro, il “corpo muscoloso” di Delbert.
Ironia della sorte, oggi si può dire che uno dei tre poliziotti avrebbe fatto meglio se fosse stato condannato e detenuto in quel momento, perché poche settimane dopo l’assoluzione gli hanno sparato. Ferito gravemente, è rimasto paralizzato su una sedia a rotelle per il resto della sua vita. L’assassino è stato sua moglie, che come lui era una poliziotta.
Delbert Africa è di nuovo libero dopo 42 anni di prigione. Il suo avvocato Brad Thomson ha affermato che la decisione di rilasciare Delbert con la condizionale ha confermato “ciò che il movimento di liberazione di Move 9 ha sostenuto per decenni: che la loro detenzione continuata è ingiusta”. Ora un ultimo membro di Move 9, Charles “Chuck” Africa, è dietro le sbarre e si aspetta la solidarietà del movimento per essere rilasciato pure lui. Lo scorso mese, anche Chuck è stato convocato davanti al Consiglio per la condizionale e l’avvocato Thomson ha dichiarato: “Siamo ottimisti sul fatto che sarà rilasciato nel prossimo futuro”.

6 gennaio 2020

Manifestanti si sono scontrati con la polizia antisommossa davanti alla sede del Comitato della contea di Salt Lake City, fra sabato 4 gennaio 2020 a tarda ora e domenica 5 gennaio. Questi scontri si sono verificati quando la polizia ha voluto sgombrare le tende allestite davanti all’edificio per criticare il modo in cui la città gestisce la sua popolazione senza fissa dimora. La polizia di Salt Lake ha arrestato 16 persone partecipanti a questa manifestazione del genere “occupazione” nel centro città, a Washington Square. La maggior parte dei campeggiatori ha attraversato la strada sabato sera prima che una quarantina di poliziotti s’avvicinassero al campo con scudi, elmetti e manganelli. Una dozzina di manifestanti presente nel campo si è tenuta per mano, cantando circondati da una barricata di mobili e oggetti vari. Alcuni manifestanti hanno respinto gli scudi della polizia e sono stati investiti dal gas.

Appello urgente per azioni a tutela dei prigionieri in Pennsylvania – settembre 2018 –

da: Secoursrouge.org

28 luglio 2018

Il 10 luglio, Kevin Rashid Johnson, membro della sezione prigionieri del New Black African Panther Party è stato nuovamente trasferito dalla prigione di Stato della Virginia, Red Onion (dove era stato appena trasferito il 12 giugno 2018) verso Sussex I, un carcere di massima sicurezza. Con questo ultimo cambiamento, Rashid teme d’essere ancora spostato in una prigione federale di un altro Stato e dunque verso un maggiore isolamento.
Questi molteplici spostamenti sono effettuati in rappresaglia al suo lavoro politico dentro le prigioni, alle testimonianze e denunce di abusi del sistema giudiziario e carcerario.

21 AGOSTO – 9 SETTEMBRE 2018. SCIOPERO NELLE PRIGIONI USA

da: Secoursrouge.org

22 giugno 2018

Debbie Africa, una delle più vecchie prigioniere politiche negli Stati Uniti, è uscita di prigione sabato. Era detenuta dall’8 agosto 1979 quando i poliziotti hanno fatto irruzione fra la comunità afro-americana ecologista Move di Filadelfia. Vi hanno arrestato nove membri che verranno condannati a pene da 30 a 100 anni di prigione, con l’accusa di omicidio di un poliziotto. Nessuna prova della loro colpevolezza sarà mai addotta davanti ai giudici. Fondata da John Africa, Move infastidiva il sindaco conservatore di Filadelfia con la sua difesa dell’uguaglianza dei diritti e la sua azione sociale concreta rivolta a coloro che non hanno voce. Mumia Abu-Jamal si era fatto conoscere come giornalista seguendo l’attualità di questa comunità. L’aver seguito il processo dei “9 di Move” gli è valsa l’inimicizia della polizia.
Debbie Africa è la prima componente di Move a beneficiare della libertà condizionale. Sei altri membri sono tuttora in carcere. Due non usciranno mai di prigione: Merle e Phil Africa deceduti nel 1998 e nel 2015.
La comunità pacifista Move è stata decimata nuovamente nel 1985, quando le autorità hanno dato l’assalto contro di loro lanciando esplosivi dall’elicottero e sparando 10.000 colpi con arma da fuoco.

Contributo su Ruchell Cinque Magee – da political-prisoners.net –

Appello per una Giornata internazionale di solidarietà il 20 gennaio 2018 – da political-prisoners.net –

Di nuovo preoccupazioni per Mumia

9 agosto 2017

Kevin “Rashid” Johnson, prigioniero comune americano politicizzato, membro di NABPP- PC (New African Black Panther Party-Prison Chapter, Nuovo partito africano delle Pantere Nere – sezione carceri, n.d.t.) a fine giugno è stato trasferito in Florida e posto in isolamento, con l’accusa d’essere capobanda in prigione. Tale accusa si basa sulla sua appartenenza al NABPP-PC che le autorità hanno classificato come banda o Gruppo che minaccia la sicurezza – STG). Il 12 luglio, mentre era in attesa di un’udienza processuale inerente tale accusa ha dovuto essere ricoverato in ospedale per un malessere. Gli esami cui è stato sottoposto hanno rivelato uno stato disidratazione e problemi di tensione. Una nuova udienza è stata fissata per il 14 luglio e i relativi capi d’imputazione si riferivano ad articoli pubblicati da Rashid Johnson riguardanti abusi subiti in prigione che hanno causato un’ondata di solidarietà e denunce pubbliche. Da allora questi articoli sono stati dichiarati provocatori.

Direttamente dopo l’udienza del 14 luglio Rashid Johnson è stato posto in isolamento nella prigione di Stato della Florida. Durante il suo trasferimento non ha potuto portarsi i propri farmaci e secondo le ultime notizie non ha avuto accesso alla sua cura riguardante i problemi di tensione.


8 agosto 2017

È stata necessaria una lunga lotta giuridica e militante affinché Mumia potesse ricevere cure. Questa lotta ha prodotto effetti, come lo testimonia questa lettera di Mumia:

Recentemente sono stato informato che il livello d’infezione (epatite C) era nullo secondo gli ultimi esami di laboratorio. Questo è dovuto all’efficacia della mia cura di cui finalmente ho potuto beneficiare. Ringrazio ancora i miei avvocati che hanno agito in giudizio mentre ero in preda a coma diabetico, in stato d’incoscienza e quindi incapace di difendermi. Non dimentico i miei numerosi amici che hanno accompagnato questa lotta senza sosta con il denaro e le proteste. Non potendo indirizzarmi individualmente a ciascuno di voi, con la mia voce  tramite la lettura di questo messaggio che vi rinnovo i miei più sinceri ringraziamenti. Una volta di più avete mostrato il potere del popolo quando si mobilita. Per me la battaglia contro la malattia però non è terminata, perché il regalo più crudele, per la mancanza di cura per un periodo troppo lungo, è la diagnosi di cirrosi epatica. Vorrei infine sottolineare la mia immensa gioia nel sapere che la nostra lotta, la vostra lotta, apre la speranza a migliaia di prigionieri di Pennsylvania di curarsi e premunirsi contro le devastazioni provocate dall’epatite C. Mumia Abu-Jamal dalla prigione di Frackville”.

Il 29 giugno, il procuratore principale di Filadelfia Seth Williams, responsabile del caso di Mumia, si è dichiarato colpevole in un processo per corruzione e concussione (39 reati considerati). Ha dovuto presentare le dimissioni dal suo posto ed è stato subito incarcerato.


Contributo solidale di Gulaferit Unsal, rivoluzionaria prigioniera comunista turca detenuta in Germania

Saluto solidale ai prigionieri che scioperano negli USA – da Gefangenen Info

Accusato e poi assolto in Belgio in relazione al famoso “caso DHKP-C” (2005-2009) il rivoluzionario turcoolandese Musa Asoglu non ha finito di essere vessato dagli Stati alleati del regime turco. In questi ultimi anni è stato l’oggetto di una vera e propria caccia all’uomo organizzata dalla CIA in territorio europeo. Su di lui pendeva una taglia di 3 milioni di dollari da parte degli USA, che lo presentano come dirigente del DHKPC, organizzazione rivoluzionaria che ha spesso attaccato gli interessi americani in Turchia, ma anche l’oligarchia turca. Costretto a vivere in clandestinità, Musa Asoglu, ora 55enne, è stato catturato il 2 dicembre 2016 dalla polizia tedesca ad Amburgo. È detenuto nella prigione di Karlsruhe senza aver commesso alcuna infrazione in Germania, unicamente sulla base dei fascicoli de servizi antiterrorismo turchi costruiti su falsità spudorate e presunte “confessioni” estorte sotto tortura. Sostenere Musa Asoglu significa appoggiare la resistenza contro il fascismo in Turchia, denunciare la collaborazione degli organi polizieschi e giudiziari europei con i torturatori di Ankara.

Solidarietà per Musa Asoglu ad Amburgo, Vienna ed Austin-Texas – marzo 2017 –

Prigioni statunitensi. Proclamazione di sciopero per il 9 settembre 2016 – agosto 2016 – (tratto da Contrainfo)

Eric King è un compagno anarchico arrestato nel settembre del 2014 e accusato del tentato incendio dell’ufficio di un funzionario governativo  a Kansas City. Eric, già in passato era noto alla polizia per il suo impegno nel collettivo insurrezionalista Fight Back di K. City. Il 30 giugno del 2016 è stato condannato a 10 anni. Attualmente è rinchiuso nel carcere di Leaven Worth, dove è stato sottoposto a dure misure di isolamento.

Affronto la mia pena, con le mie convinzioni, che sono più forti di questa viltà umana (lettera di Eric King) – luglio 2016 –

Pubblichiamo questo testo del Collettivo Comunista Metropolitano. 
Nel testo si ripercorre la storia dell’opposizione alla guerra imperialista negli Stati Uniti. Una storia che intreccia i percorsi dei movimenti studenteschi, delle comunità afroamericana, nativa, portoricana, etc, in lotta, della resistenza contro la guerra degli stessi soldati impiegati nell’esercito USA.
Il testo arriva fino ai giorni nostri, raccontando, ad esempio, casi di resistenza di soldati statunitensi contro le guerre in Aghanistan, Iraq, etc.

La resistenza nell’esercito americano alla guerra del Vietnam – aprile 2016 – (da Collettivo Comunista Metropolitano)

Il caso Mumia Abu Jamal-Chi è Mumia Abu Jamal-Dichiarazione di Mumia Abu Jamal (da Soccorso Rosso-Belgio) – dicembre 2015 –

Udienza 18 dicembre per Mumia (tratto da political-prisoners.net) – dicembre 2015 –

Mumia Abu-Jamal potrà testimoniare (tratto da junge welt) – dicembre 2015 –

Mumia Abu Jamal. 34 anni per la vita, la salute e la libertà (tratto dalla Rete nazionale Free Mumia) – dicembre 2015 –

Far tacere Mumia Abu-Jamal -agosto 2015-

Phil Africa deceduto in circostanze sospette -febbraio 2015-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...